About Bitto

Italian fur artisans since 1981

Bitto - First lab in Rho, 1980

La nostra storia inizia nel 1950 con Gaetano Bitto, siciliano emigrato a Milano, che negli anni della Dolce vita gira l’Italia come venditore di capi in pelliccia. Qualche anno dopo, seguendo il suo intuito commerciale, Gaetano convince i figli Dario e Massimo a entrare nello stesso mondo e a iniziare a lavorare in un laboratorio di pellicceria milanese, dove i due acquisiscono una fine capacità tecnica e una conoscenza unica della pelle.

La svolta avviene negli anni Ottanta, quando i due fratelli, a cui si è aggiunto il terzo, Paolo, decidono di inaugurare la loro bottega di pellicceria, la Fratelli Bitto. Qui per 20 anni confezionano e vendono raffinati capi in pelliccia per clienti privati. I loro abiti non li notano solo le sciure di Milano, ma anche alcuni piccoli marchi meneghini, che subito decidono di collaborare con i Bitto.

Nel 2000 la ditta di famiglia si è allargata e Milano inizia a stare stretta ai tre fratelli, che sono convinti che loro pellicce possano arrivare in tutto il mondo. Così decidono di rischiare, di smettere con la vendita al privato e di proporre i loro lavori ai brand del lusso. È una scommessa vinta, perché nel giro di pochi anni nascono floride collaborazioni con i marchi più prestigiosi dell’alta moda, a cui la, ormai, BittoSrl mette a disposizione la proprio sapienza manifatturiera per realizzare di prodotti in pelliccia di eccellenza.

Con più di 60 dipendenti oggi la piccola bottega in via Matteotti sorta negli anni 80 sembra un ricordo ben lontano e invece il segreto della Bitto è stato proprio quello di non avere mai mutato la propria vocazione famigliare e la sua fedeltà all’artigianalità.

Ricerca estetica, artigianalità e creatività al servizio di un lusso responsabile.

Manifest Bitto
Assortimento pelli esotiche. Rho, 1950